Tu sei il male – Roberto Costantini

tu sei il maleTu sei il male – (Marsilio, 2011, 669 p.)

Ieri sera, durante l’incontro, abbiamo parlato di questo libro ed è piaciuto a tutti. In effetti era difficile che si rimanesse delusi da queste 700 pagine colme di intrighi politici, poliziotti corrotti, paradisi felpati e menzogne striscianti. Gli eventi si dipanano freneticamente, le storie si aggrovigliano, si intrecciano fino all’esasperazione…le uccisioni avvengono in una  Roma eccitata dai mondiali di calcio del 1982 e del 2006, una serie di tremende sevizie su corpi massacrati, devastati e violati.

E poi i personaggi. Ieri sera, alcuni durante la nostra chiacchierata hanno lamentato la quantità un po’ eccessiva dei personaggi, ma la maggior parte si è affezionata alla squadra speciale capitanata dal Commissario Balistrieri. Ci si è scagliati contro i cattivi mefistofelici  (uno in particolare Marius Hagi), accompagnando pietosamente quei cadaveri ingiustamente uccisi. Ognuno con una caratteristica ben definita, chiara.

Il salto temporale di 24 anni, che divide il libro in due parti, incide sul vissuto dei persongaggi ed è interessante scoprire come la maturità, l’esperienza, le sconfitte,  cambino l’approccio alla vita e ridimensioni gli entusiasmi.

Questo libro racchiude tutti i canoni del giallo e del poliziesco e,  a 60 pagine dalla fine, pian pian, tutto sembra avere un senso, tutti gli indizi si incastrano spaventosamente.

Tu sei il male è il primo della “trilogia del male”, ecco di seguito gli altri due

alle radiciAlle radici del male – (Marsilio, 2012, 702 p.)

il maleIl male non dimentica – (Marsilio, 2014 – 525 p.)

Due piccole considerazioni. La prima è che se deciderete di leggere il primo, non dimenticate il titolo durante la lettura. La seconda è che il commissario Balistrieri ha un vissuto alquanto burrascoso e negli altri due libri si scaverà nel suo passato.

E’ appena uscito (a febbraio) il suo ultimo libro.

la moglie La moglie perfetta –

(Marsilio, 2016, 447 p.)

Annunci